Cosmetici Naturali sveliamo i falsi miti

Il trend di prodotti green, naturali, ecobio, a basso impatto ambientale, free of è sulla cresta dell’onda. Ma cosa c’è di vero? E cosa significa naturale in cosmesi?


Nell’immaginario collettivo quando si parla di naturale, si intende automaticamente di SICURO.


Ciò che non è naturale è “CHIMICO”. Se si riflette, cosa può essere classificato come “non chimico” in natura? Anche l’acqua è chimica. Il fatto è che non esiste un disciplinare o una definizione legislativa europea che definisce un cosmetico green o eco bio. Ci sono decine di enti certificati privati, diversi in vari paesi che per diversi criteri sanciscono se un prodotto è idoneo o meno ad acquisire il tanto maritato riconoscimento. Queste certificazioni sono emesse da società private e previo pagamento di una quota di conseguenza non sempre è facile stabilire se determinano effettivamente la sicurezza o meno di un prodotto, che invece è garantita per legge.


Un cosmetico naturale è più sicuro di altri?

La normativa europea Regolamento 1223/2009 CE assicura che tutti gli ingredienti presenti nei cosmetici, a determinate concentrazioni, siano considerati sicuri: la sicurezza quindi è un requisito per tutti i cosmetici sia naturali che non (intendendo quelli con ingredienti di origine sintetica).

Tutti i cosmetici prima di essere messi in vendita passano lo stesso test di sicurezza europeo che garantisce la salute e la tutela del consumatore finale. Ha più senso verificare la filiera produttiva se estera o italiana e verificare gli standard di produzione e il packaging del prodotto.

Facciamo quindi chiarezza su cosa è NATURALE e cosa é SINTETICO nell’uso cosmetico.


I Cosmetici naturali sono semplicemente cosmetici prodotti con attivi di origine vegetale o animale, ma non sono biologici, perché non ne hanno la certificazione. Possono per esempio contenere una percentuale di ingredienti sintetici.


SINTETICO è un prodotto derivato dalla combinazione di molecole di sintesi, riprodotte in laboratorio.


Nel caso del cosmetico sintetico, le materie prime sono riproducibili, gli standard qulitativi sono controllati e stabili nel tempo e si possono riprodurre molecole uniche con alte performance.

Questa regola non è valida per il cosmetico naturale il quale può subire variazioni di performance in base alla riproducibilità o meno di un determinato composto.

17 visualizzazioni0 commenti